Detrazioni fiscali, così potranno fare i controlli incrociati.

Una delle novità principali della bozza di modello 730/2016 pubblicata dall'agenzia delle Entrate riguarda proprio gli amministratori di condominio. Con il modello 730/2016 viene infatti introdotto il nuovo quadro K che potrà essere utilizzato dagli amministratori di condominio, in luogo del quadro AC del modello UnicoPF, per comunicare all'agenzia delle Entrate gli acquisti dell'anno e i lavori edilizi detraibili al 50 per cento.

Con il quadro AC del modello UnicoPF l'amministratore di condominio:
- comunica all'agenzia delle Entrate gli importi annuali dei beni e servizi acquistati dal condominio nell'anno precedente, unitamente ai dati anagra fici dei fornitori del condominio medesimo;
- comunica all'agenzia delle Entrate i dati catastali dei condomini che sono stati interessati dagli interventi di recupero del patrimonio edilizio, le cui spese sono detraibili nella misura del 36/50% (con una ripartizione effettuata in base ai millesimi).

Qualora l'amministratore di condominio, negli anni passati, fosse stato esonerato dalla presentazione del proprio modello Unico, era prevista la possibilità di presentare solo il frontespizio della dichiarazione dei redditi, unitamente al quadro AC. Dal 2016 questa presentazione potrà essere sostituita dalla compilazione del quadro K nel modello 730/2016.

Vediamo cosa cambia con la compilazione del nuovo quadro «K» del modello 730 denominato «Comunicazione dell'amministratore di condominio». Ecco, in dettaglio, come è fatto il quadro K: Sezione I: Dati identificativi del condominio (rigo K1);
Sezione II: dati catastali del condominio (intervento di recupero del patrimonio edilizio); dati catastali del condominio (rigo K2); domanda di accatastamento (rigo K3);

Sezione III: Dati relativi ai fornitori e agli acquisti di beni e servizi.Le prime due sezioni sono dedicate ai dati identificativi del condominio e a quelli catastali per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio (rigo K1), nonché a quelli relativi alla domanda di accatastamento (rigo K3). La sezione terza è dedicata ai «dati relativi ai fornitori e agli acquisti di beni e servizi». In questa sezione dovranno essere esposti, per ciascun fornitore o prestatore, il codice fiscale, la denominazione, il cognome, il nome, la data e il luogo di nascita nel caso di sole persone fisiche (o solo lo stato estero nel caso di non residenti), nonché l'importo complessivo degli acquisti di beni e servizi. Il nuovo quadro offre la possibilità di un inserimento massimo di 6 fornitori superati i quali sarà necessario compilarne altri.

La novità introdotta dall'agenzia delle Entrate non appare semplificativa degli adempimenti complessivamente gravanti sugli amministratori di condominio, che comunque continueranno, come per il passato, a comunicare pressoché gli stessi dati, sebbene con un altro modello dichiarativo. Occorrerà tuttavia aspettare ulteriori provvedimenti delle Entrate per vedere se la novità introdotta servirà a semplificare in concreto la compilazione del 770, come annunciato nel recente comunicato stampa dell'Agenzia stessa.