REVISORE CONTABILE CONDOMINIALE

Servizio revisore contabile condominiale

Ai sensi di quanto stabilito nella legge di riforma del condominio, l’assemblea dei condomini può nominare anche per più di un’annualità un revisore contabile che si occupi di verificare in maniera scrupolosa la contabilità del condominio.

L'operato del revisore contabile condominiale in Italia

Questa nuova figura, prevista dall’articolo 1130-bis c.c., ha il compito di disciplinare la contabilità del condominio, tutelando la correttezza dei bilanci e coinvolgendo i condomini nelle operazioni di verifica dei conti. Permangono zone d’ombra nell’azione della verifica e nelle finalità delle consulenze. Nel momento in cui gli amministratori di condominio propongono il servizio di revisione contabile condominiale vi sono tutta una serie di limitazioni che differiscono in base alla contesto e alla situazione in cui il revisore si ritrova ad agire.

Più precisamente, ciò significa che se un servizio di revisione riguarda contabilità già presentate ed approvate dall’assemblea, il ruolo di questo professionista tocca soltanto i parametri di fondatezza e di congruità, ma non le scelte intraprese, a partire da come le spese sono state ripartite. Anche se lo fossero state in modo erroneo. Il discorso cambia a fronte di verifiche dove sono coinvolte annualità con bilancio mai presentato e, di conseguenza, mai approvato. In questo caso, il revisore contabile può andare anche oltre il classico accertamento a livello di legittimità. Motivo per cui, la sua verifica sarà orientata a stabilire se i criteri, con cui le spese sono state ripartite, risulteranno corretti.

Nomina del revisore contabile da parte dell’assemblea

La nomina del revisore contabile da parte dell’assemblea condominiale non è in alcun modo obbligatoria, ma in genere gli amministratori di condominio richiedono i suoi servizi professionali nel momento in cui vengono sollevati dubbi sulla regolarità contabile. Naturalmente, questa è solo una casistica, visto che il lavoro di questo professionista, in linea di massima un esperto in materia fiscale, un avvocato con conoscenze di diritto tributario, un commercialista o ancora un perito iscritto all’Albo dei consulenti di Ufficio dei Tribunali, può essere richiesto anche per una semplice verifica.

Cosa è cambiato rispetto al passato?

La normativa italiana sulla nomina del revisore contabile presenta qualche zona d’ombra di troppo, visto che essere maggiorenni e avere la capacità giuridica sono tuttora gli unici requisiti richiesti per lo svolgimento di questo incarico che è molto più complesso di quanto possa sembrare. Così, se in passato, in molti condomini questo incarico era svolto molte volte dall’amministratore di condominio in prima persona, oggigiorno, soprattutto nei contesti residenziali nelle grandi città, non è più così e ci si affida a professionisti dotati delle necessaria preparazione in materia di revisione. Il rischio che si è manifestato in numerose realtà condominiali, dove ci si è affidati per anni a soggetti privi delle competenze basilari con i conseguenti problemi manifestatisi con le contestazioni di verifiche contabili errate, è in molte parti soltanto un ricordo del passato. Nel momento in cui gli amministratori di condominio in Italia propongono anche il servizio revisore contabile lo fanno nel modo più professionale possibile, affidandosi agli esperti in materia.

Servizio revisore contabile condominiale: il punto della situazione in Italia

Nel momento in cui la revisione contabile effettuata da un condominio viene approvata dall’assemblea, anche se il primo è sprovvisto delle abilitazioni, risulta comunque valida. Ma se occorre controllare eventuali ammanchi di denaro e ci si ritrova a che fare nel breve termine con oggetti di possibile contenzioso, nei contesti condominiali allo stato attuale delle cose si preferisce incaricare un professionista. Il motivo? La revisione contabile ha un quid in più, ossia il valore peritale di una consulenza che può essere esibita senza alcun problema in giudizio.

    Il personale della C.B.Amministrazioni, composto dall'amministratore Claudio Barzaghi iscritto all'ANACI al numero 14200, da Antonella, Angela e Umberto, è a completa disposizione per fornire informazioni, chiarimenti e consulenze in merito alle tematiche inerenti i condomini, quali gestione della contabilità, rapporti con i fornitori, gestione affitti e problematiche varie.

    Sede Torino

    Via Ascanio Sorbero, 20
    Tel: 011 4733900

    Sede Milano

    Corso Sempione, 39
    Tel: 02 36728919 - 02 36735034

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi